“Cresce lungo il CAMMINO il suo vigore” (Sal 84,8)

Che cosa occorre per un buon cammino


Prima settimana: Domenica delle tentazioni.


LA PARTENZA

Vogliamo partire, rimetterci in cammino. In questa Quaresima vogliamo lasciar da parte le pigrizie, le lamentele, le critiche e tutto ciò che ci blocca o ci offre una scusa per stare fermi. La vita ci chiede di andare avanti, il mondo ci chiede di crescere. Ogni uomo o donna ha la necessità di progredire in un cammino che ci porterà fino a Gesù, fino alla sua morte e risurrezione, fino alla vita eterna. Però dobbiamo partire, abbiamo atteso troppo, adagiati sulle conquiste raggiunte da chi ci ha preceduto o – forse – dai passi che abbiamo compiuto negli anni passati. Ora dobbiamo ripartire.

Sia un cammino che sgorga dal cuore, scelto e voluto da ciascuno di noi. E sia un cammino che subito si concretizza in scelte precise, semplici e chiare. Passi piccoli, ma passi veri. Un passo dopo l’altro, il cammino prosegue e lungo il cammino crescerà anche il vigore.

Non ci faccia paura la fatica o il disagio delle rinunce: un po’ di sana ascesi fortifica il nostro corpo e lo tiene allenato per momenti di maggior difficoltà che non mancheranno nel prossimo futuro.

Sia un cammino personale e comunitario. Personale perché ciascuno dovrà sceglierlo, ognuno deve fare i suoi passi, adeguati alla sua situazione. Comunitario perché insieme cammineremo e insieme ci sosterremo nelle difficoltà.

Buon cammino quaresimale!

don Maurizio